fbpx

Il vino (naturale) mischiato con l’acqua sta spopolando negli USA

Reading Time: 3 minutes

Fresco, leggero, dissetante, il vino “annacquato” è la nuova frontiera del bere naturale negli States. Probabilmente avrebbe un mercato anche dalle nostre parti, se non fosse che l’Unione Europea ne proibisce categoricamente la vendita.

Il Piquette è la nuova frontiera del vino naturale: lo dice Jamie Goode, uno dei più acuti osservatori del movimento. Sul suo blog WineAnorak, l’autore di I Taste Red e Flawless tesse le lodi di questo nuovo prodotto “nazional-popolare” che permette, tra le altre cose, di evitare ogni spreco. ” E’ un buon modo di offrire ai consumatori con un budget limitato qualcosa di molto beverino che costa poco, ed è prodotto senza additivi di alcun genere – spiega Goode – ci hanno pensato i vignaioli naturali a rivalutare questo prodotto retrò, che in passato era consumato esclusivamente dai vignaioli assetati”. Come si ottenga non è difficile immaginarlo: si prendono le vinacce, si cerca di estrarre tutto quel che è rimasto e si allunga il succo ottenuto con dell’acqua. Poi si aggiunge un po’ di zucchero o di miele per far partire la fermentazione e magari un po’ di acido tartarico per renderlo più fresco e beverino.

In America sono più di trenta i vignaioli naturali che si cimentano nella produzione di Piquette per non sprecare le vinacce e per offrire ai consumatori qualcosa di genuino – e sano, perché il volume alcolico è più basso di quello di un vino normale – che possano bere in qualunque occasione ed anche in quantitativi ingenti. Tra i pionieri del movimento c’è Todd Cavallo di Arc Wild, azienda nella Hudson Valley (New York), che sul processo produttivo afferma: ” la sfida principale è gestire i batteri lattici ai livelli di PH più alti che l’aggiunta di acqua comporta. Fortunatamente noi vendemmiamo uve con acidità alta e PH basso, e quindi anche aggiungendo il 50% d’acqua riusciamo ad avere un PH nei limiti. Bisogna comunque stare attenti all’esposizione all’ossigeno per evitare sensazioni sgradevoli. Il miglior modo per noi è usare l’acciaio inox per la fermentazione”.

Chiunque abbia un nonno che si cimentava nella produzione casalinga (e non) di vino sa che in passato l’usanza di allungare il mosto ottenuto dalle vinacce con l’acqua era assai diffusa anche in Italia. Purtroppo, però, la legge europea consente di produrre il Piquette esclusivamente per la distillazione o per l’autoconsumo. Questo per evitare che circolino in commercio prodotti di scarsissima qualità o, ancor peggio, fraudolenti. ” Sono molti i viticoltori in Europea che avrebbero interesse a produrre il piquette – spiega Goode – l’illegalità, però, è una barriera. In Austria, Claus Preisinger ne ha prodotto uno (presumo illegamente) e l’ha venduto. Ha preso il Syrah fermentato con i raspi e il Blaufrankisch con un po’ di succo (e zucchero) rimasto negli acini, ha aggiunto l’acqua e ha imbottigliato la miscela come fosse una sorta di ibrido tra Pet Nate e Piquette. Non ho assaggiato quel vino onestamente. L’unico Piquette he ho assaggiato è quello di Wild Arc Farm”. Il giudizio riportato articolo sul Piquette in questione è molto generoso: la bevanda, che è descritta “come fresca e citrina con qualche cenno di amaro”, ha sfiorato i tanto agognati 90 punti (89/100, per l’esattezza!).

SEGUI SOMMELIER LIFE SU FACEBOOK

SEGUI SOMMELIER LIFE SU INSTAGRAM

Se ti è piaciuto questo articolo, potresti essere interessato anche a:

Rivetto: quando Barolo e biodinamica s’incontrano accadono grandi cose

Saittole 2019 di Ribelà, ovvero come dovrebbe essere il vino laziale

Annullato ViniVeri 2021: salta una delle fiere più importanti per i vini naturali

Torre dei Beati: i vini pop d’Abruzzo che hanno conquistato mezzo mondo

Ciavolich: il vino abruzzese tra sperimentalismo e spirito imprenditoriale

Schioppettino 2015 di Ronchi di Cialla: il rosso friulano “par excellence”

Malvirà: Il Roero non teme il Barolo

Le Rocche del Gatto: la crociata di Fausto De Andreis e il tempo ritrovato

Barolo e Barbaresco: sette etichette da scoprire nel 2021

Habemus: genesi di un’eccellenza laziale

La Borgogna di Giancarlo Marino tra biodinamica e lutte raisonneè

Damiano Ciolli e Letizia Rocchi: il vino naturale senza improvvisazioni

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui