fbpx

Il Pecorino alla prova del tempo: Mantica 2017 di Tommaso Masciantonio

Reading Time: < 1 minute

Stappato da Carlo Ferraioli, sul porto canale di Pescara, questo Pecorino “petit production” di un produttore famoso principalmente per il suo olio da campionato mondiale – il Trappeto di Caprafico – tira fuori un profilo “rieslinghiano”, pienamente evocativo del terroir freddo ma soleggiato dell’altopiano di Caprafico, alle pendici della Majella, che parte con un soffio d’idrocarburo e progredisce su sensazioni dolci di miele e marzapane, mandarino cinese, crema di limoni. E’ ancora agile, verticale, sapido e affumicato nell’allungo non infinito, ma di grande pulizia. È chiaramente arrivato in cima alla collina e tra poco comincerà la discesa – non so se lenta o repentina – ma ora come ora regala grandi soddisfazioni.

90/100

SEGUI SOMMELIER LIFE SU FACEBOOK

SEGUI SOMMELIER LIFE SU INSTAGRAM

TUTTI GLI ARTICOLI DE IL VINO DEL GIORNO

Se ti è piaciuto questo articolo, potresti essere interessato anche a:

Breg 2007 di Gravner: più che vino naturale, vino geniale

Saittole 2019 di Ribelà, ovvero come dovrebbe essere il vino laziale

Montepulciano d’ Abruzzo Ritorna 2018 di Giovenzo: elogio della semplicità

VAI ALLA HOMEPAGE

spot_img

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui