fbpx

Tre Bicchieri Gambero Rosso 2022: i vini premiati della Sardegna

Reading Time: 2 minutes

Non solo Cannonau e Vermentino nella rosa dei vini premiati

I migliori vini della Sardegna

La forza del territorio. Se dovessimo dare un titolo all’edizione 2022 non avremmo dubbi. È da un po’ di anni che si evince, ma con gli ultimi assaggi ciò emerge in maniera chiara: la Sardegna è una regione fatta da tanti territori, molto diversi tra loro e che si esprimono con altrettanta diversità anche se vengono coltivate le stesse varietà. Poi ci sono, ovviamente, le anime dei vitigni tradizionali che danno ulteriore forza a ciascun areale.

È per questo che non smetteremo mai di scrivere che le Denominazioni isolane hanno un forte bisogno di esser riformate, in modo che i territori emergano grazie a disciplinari che seguono l’attualità della viticoltura e, di conseguenza, anche le etichette dei vini possano comunicare in maniera chiara le sensazioni che offrono i bicchieri. Partiamo dai bianchi. I vini si giovano di una bella annata 2020 e ciò porta equilibrio, eleganza e buona profondità. L’esempio arriva dalla Gallura, ma anche da Usini e Serdiana. Sempre interessanti le piccole produzioni legate al Nuragus di Cagliari, al Semidano di Mogoro o al Torbato di Alghero, senza dimenticare i grandi vitigni vernaccia, malvasia e nasco, protagonisti a Oristano, Bosa, nel Parteolla e in tante altre zone. Il moscato infine dà sempre ottimi risultati, anche qui in zone ben precise, sia in versione Passito sia Spumante.

I rossi sono senza dubbio i protagonisti, non tanto nei numeri produttivi (più o meno paritari) quanto nelle espressioni qualitative. Il Cannonau è quello che esprime meglio i concetti di cui si parlava: è incredibile come se ci si sposta da Serdiana a Mamoiada, da Oliena a Monti (giusto per fare alcuni esempi) le differenze siano tante e seguano le differenze di suolo e microclima. È il bello del vino ed è quello che avviene con i grandi vini nel mondo. C’è poi il Bovale che gode di un bel successo, sia nelle zone storiche (Terralba e Mandrolisai) sia in alcune zone dove sta dimostrando il suo valore (Marmilla su tutte). Il Carignano dà il meglio se ottenuto da vecchie viti a piede franco (per il resto sono vini buoni, di beva, ma con poco carattere), mentre il Cagnulari trova nel nord-ovest il suo habitat preferito. Concludiamo questa breve panoramica citando il Nieddera della provincia di Oristano e il Monica nella provincia di Cagliari e abbiamo un quadro davvero variegato. Così come è variegata la vecchia vigna da cui nasce Sobi, vino della neonata cantina Bentu Luna, a Neoneli: un progetto esemplare.

Alghero Cabernet Ris. Marchese di Villamarina 2017

 Sella & Mosca

Cannonau di Sardegna 2019

 Corda

Cannonau di Sardegna Cl. Dule 2018

 Gabbas

Cannonau di Sardegna L’Ora Grande 2019

 Contralta

Carignano del Sulcis 6Mura Ris. 2018

 Giba

Carignano del Sulcis Sup. Terre Brune 2017

 Santadi

Nuracada 2019

 Audarya

Sobi 2019

 Bentu Luna

Turriga 2017

 Argiolas

Vermentino di Gallura Petrizza 2020

 Masone Mannu

Vermentino di Gallura Sup. Maìa 2019

 Siddùra

Vermentino di Gallura Sup. Sciala 2020

 Surrau

Vermentino di Sardegna Stellato 2020

 Pala

Vermentino di Sardegna Tuvaoes 2020

 Cherchi

SEGUI SOMMELIER LIFE SU FACEBOOK

SEGUI SOMMELIER LIFE SU INSTAGRAM

Se ti è piaciuto questo articolo, potresti essere interessato anche a:

Frescobaldi investe sul Nobile di Montepulciano: rilevata una storica azienda poliziana

Nascono i Cru del Nobile di Montepulciano: approvata la menzione “Pieve”

Chiocciole Slow Wine 2022: ecco tutte le aziende premiate

Tre Bicchieri Gambero Rosso 2022: i vini premiati della Lombardia

La Campania dalla Falanghina alla Coda di Volpe: dieci vini straordinari

spot_img

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui