fbpx

Tre Bicchieri Gambero Rosso 2022: i vini premiati della Campania

Reading Time: 2 minutes

Tutti bianchi – tranne uno – i vini campani premiati.

I migliori vini della Campania 2022

Tra i 20 Tre Bicchieri regionali, 19 sono vini bianchi. Una vocazione nettissima che dice tanto della Campania: una regione che non conosce filtri e mezze misure, dotata di preziosi e originali picchi di sapore tanto in ambito gastronomico quanto in quello enologico. Si tratta di un connubio fortissimo che viaggia di pari passo in Italia e nel mondo, ancor di più negli ultimi anni grazie alla crescita della pizza napoletana che ha portato con sé selezioni di vini regionali sempre più accurate e brillanti. Quest’anno abbiamo apprezzato un millesimo felice per i bianchi, il 2020 ha fornito mediamente vini ben bilanciati tra freschezza e maturità, dotati di spalla acida e strutture per affinare lungamente in bottiglia, una dote a dir poco preziosa non ancora pienamente valorizzata. Un Greco di Tufo come un Fiano di Avellino sono veramente godibili almeno dopo almeno tre o quattro anni dalla vendemmia. Lì si vede il cambio di marcia netto, ma è un discorso che possiamo portare anche sul campo della Falanghina del Sannio, un bianco spesso considerato da bere a pochi mesi dalla vendemmia, quando a due anni dalla raccolta inizia a regalare tutt’altro repertorio gustativo. Il discorso della longevità ci porta a parlare di Taurasi, denominazione che ha sempre fatto della visione di lungo periodo un fiore all’occhiello e che oggi sta ridefinendo la sua cifra stilistica. Dal fattore tempo allo spazio, la Campania è soprattutto una regione da visitare bicchiere alla mano. Andiamo dai terreni del Casertano al magnifico Cilento con le vigne che ascoltano il mare; i fazzoletti di vigne della Costa d’Amalfi; gli scorci di Ischia o le viti a piede franco sulle pendici del Vesuvio. Prima di chiudere, siamo contenti di accogliere per la prima volta due aziende nel club dei Tre Bicchieri. La prima è Passo delle Tortore, una realtà irpina, sodalizio di quattro giovani imprenditrici; la seconda è la storica Masseria Frattasi, che già dagli anni ’50 valorizza la Falanghina del Taburno.

Campi Flegrei Falanghina Cruna deLago 2019

 Sibilla

Core Bianco 2020

 Montevetrano

Costa d’Amalfi Furore Bianco Fiorduva 2020

 Cuomo

Costa d’Amalfi Ravello Bianco Selva delle Monache 2020

 Sammarco

Falanghina del Sannio Janare Anima Lavica 2020

 Guardiense

Falanghina del Sannio Svelato 2020

 Terre Stregate

Falanghina del Sannio Taburno 2020

 Fontanavecchia

Falanghina del Sannio Taburno Bonea 2019

 Frattasi

Fiano di Avellino 2020

 Scuotto

Fiano di Avellino 2020

 Colli di Lapio

Fiano di Avellino Pietramara Et. Bianca Ris. 2018

 Favati

Fiano di Avellino Tognano 2018

 Rocca del Principe

Greco 2019

 Pietracupa

Greco di Tufo Aletheia Ris. 2019

 Donnachiara

Greco di Tufo Le Arcaie 2020

 Passo delle Tortore

Greco di Tufo Miniere Ris. 2019

 Cantine dell’Angelo

Greco di Tufo Vittorio Ris. 2008

 Di Meo

Morrone Pallagrello Bianco 2019

 Alois

Pian di Stio 2020

 San Salvatore 1988

Taurasi V. Macchia dei Goti 2017

 Caggiano

SEGUI SOMMELIER LIFE SU FACEBOOK

SEGUI SOMMELIER LIFE SU INSTAGRAM

ARTICOLO CORRELATO: Tre Bicchieri Gambero Rosso 2022: i vini premiati delle Marche

Se ti è piaciuto questo articolo, potresti essere interessato anche a:

Tre Bicchieri Gambero Rosso 2022: i vini premiati di Trentino e Ticino

Frescobaldi investe sul Nobile di Montepulciano: rilevata una storica azienda poliziana

Nascono i Cru del Nobile di Montepulciano: approvata la menzione “Pieve”

Chiocciole Slow Wine 2022: ecco tutte le aziende premiate

La Campania dalla Falanghina alla Coda di Volpe: dieci vini straordinari

spot_img

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui