Power 100: ecco quali sono le cento aziende vinicole più importanti del mondo

Reading Time: 4 minutes

Sono quasi tutti francesi i brandi più importanti, potenti e di maggior valore nel mondo del vino. L’ Italia non compare prima del 32esimo posto, dove troviamo il più prestigioso produttore.

Una premessa dovuta: che cos’è Liv-ex

Liv-Ex è la piattaforma più importante del mondo per quanto riguarda i vini da investimento.  Tutti i parametri più importanti per conoscere il valore dei fine wines derivano da questo sito: dati di scambioandamento dei prezzinumeri sul trading di vino e molto altro.

Il Power 100 Index e la situazione attuale del mercato dei fine wines

(Tratto e tradotto da Liv-ex.com)

La Power 100 by Liv-ex è un’istantanea del panorama in continua evoluzione del mercato secondario. L’elenco di quest’anno ha colto la Borgogna all’apice della sua ultima ascesa.

Tuttavia, la direzione del mercato nel 2022 suggerisce già un cambiamento in arrivo. Proprio come abbiamo visto nel 2019, l’ultima impennata della Borgogna può essere vertiginosa, ma potrebbe essere rapidamente bloccata da una mancanza di offerta e da una crescente riluttanza a pagare prezzi così alti per manciate di bottiglie. Più si vola in alto, più l’aria è rarefatta e meno sono gli acquirenti.

Inoltre, con l’avanzare del 2022, la performance mensile dell’indice Burgundy 150 è stata discontinua. È rimasto piatto a giugno e agosto, è salito dell’1,8% a settembre e dello 0,7% a ottobre – in ciascuno di questi due ultimi mesi ha registrato il guadagno mensile più basso dall’agosto 2021.

Lo slancio è ora chiaramente a favore dello Champagne. Cristal e Dom Pérignon sono stati in testa agli scambi per tutto l’anno. Lo Champagne 50 è l’indice Liv-ex Fine Wine 1000 con la migliore performance da un anno a questa parte e si sta rapidamente avvicinando al Burgundy 150 come migliore performance da un anno all’altro.

In realtà, il mercato si è mosso in una direzione positiva. Come accennato in precedenza, tutti i marchi della top 100 hanno visto aumentare i loro prezzi.

Ma i venti contrari del mercato sono forti e ulteriori aumenti dei prezzi potrebbero non essere così facili da ottenere. Dopo alcuni anni record di espansione del mercato, quest’anno il tasso di crescita, misurato in base al numero di vini commercializzati e qualificati per la Power 100, non è stato così elevato come l’anno scorso.

Tra il 1° ottobre 2021 e il 30 settembre 2022 sulla piattaforma Liv-ex sono stati commercializzati 12.332 vini di 1.694 produttori, con un aumento rispettivamente del 4,2% e dell’1,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il numero di vini idonei all’inclusione è stato di 422, con un aumento di appena lo 0,3%.

Nel complesso, il mercato continua ad accogliere nuovi vini da tutto il mondo – Kumeu River dalla Nuova Zelanda, Chacra in Argentina e Telmo Rodriguez in Spagna sono stati tra i nuovi candidati di quest’anno – e rimane più ampio ed equilibrato rispetto a dieci anni fa.

Ciononostante, guardando alla Power 100 del prossimo anno, è difficile scrollarsi di dosso la sensazione che le cose saranno ancora una volta molto diverse.

La situazione dei fine wines Italiani: stabilità dopo anni di crescita

Solo due anni fa il commercio italiano sembrava essere in crescita inarrestabile. Tuttavia, quella marea si è un po’ ritirata. Gli elevati dazi statunitensi sui vini dell’UE (Unione Europea), da cui l’Italia era esclusa, sono stati un fattore importante per il suo successo sul mercato secondario dal 2019 all’inizio del 2021.

Da quando queste tariffe sono state abolite, il commercio dei vini italiani è diminuito, passando da circa il 15% del commercio nel rapporto dello scorso anno all’11% di quest’anno.

Molti vini italiani sono scesi in classifica. Un po’ come a Bordeaux, il commercio totale in valore e volume è ancora forte, ma la performance dei prezzi è rallentata, soprattutto rispetto a Borgogna e Champagne.

Il Sassicaia rimane il marchio italiano più quotato e il sesto più scambiato in volume, anche se è sceso di 22 posizioni al 30° posto.

Il marchio italiano in ascesa è invece Tignanello. È salito di 16 posizioni fino al 49° posto grazie alla combinazione di un elevato volume di scambi (settimo in assoluto) e quindi di un elevato valore totale degli scambi. Inoltre, è il vino italiano più economico della top 100, con un prezzo medio alla cassa di 1.076 sterline.

La classifica delle 100 aziende vinicole più potenti ed importanti del mondo secondo Liv-ex:

Ultimi articoli

Resta aggiornato!​

Iscriviti alla nostra newsletter

You have been successfully Subscribed! Ops! Something went wrong, please try again.

Sommelier Life, un portale dedicato a tutto ciò che gira attorno al vino. Notizie, degustazioni, recensioni di ristoranti e molto altro.

© 2024 Sommelierlife