fbpx

Addio a Lucio Canestrari, grande interprete del Verdicchio dei Castelli di Jesi

Reading Time: < 1 minute

Se ne va improvvisamente uno dei più grandi interpreti del Verdicchio: romano di nascita, staffolano d’adozione, titolare di un’azienda che negli anni ha fatto incetta di premi e ha conquistato una larga fetta di appassionati.

La notizia l’ha data Paolo Massobrio sulle pagine di Repubblica. Lucio Canestrari, il produttore salito alle luci della ribalta al suono di “‘Ndo arrivo, metto un segno“, si è spento questa mattina. Titolare di Fattoria Coroncino, azienda di punta dei Castelli di Jesi, Canestrari è stato tra fautori del rinascimento del Verdicchio negli anni 80′ e 90′. Ho avuto modo di conoscerlo ad Old but Gold by Ian d’Agata, degustazione straordinaria che si tenne proprio a Jesi nel settembre del 2018. In quell’occasione ci propose un Gaiospino 2000 che tutt’oggi rientra nel novero dei più grandi vini bianchi che abbia mai assaggiato.

Per omaggiarlo, condividiamo un video pubblicato da Roscioli nel dicembre del 2019 in cui racconta sé stesso e la sua cantina con la solita schiettezza:

SEGUI SOMMELIER LIFE SU FACEBOOK

SEGUI SOMMELIER LIFE SU INSTAGRAM

spot_img

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui