fbpx

Le migliori aziende vinicole sostenibili secondo Robert Parker

Reading Time: 2 minutes

Ci sono tre aziende italiane tra quelle premiate da Robertparker.com, la pubblicazione sul vino più influente al mondo.

I tempi cambiano, il gusto evolve e anche il Wine Advocate si adatta. La redazione dalla rivista, che è stata ceduta dal critico di Baltimora alla guida Michelin, ha introdotto quest’anno il Green Emblem Award, premio che tiene conto non solo della qualità dei vini, ma anche e soprattutto dell’impegno profuso dall’azienda premiata nella sostenibilità aziendale. “Per ricevere questo premio, un’azienda vinicola può essere o può non essere già certificata biologica e/o biodinamica – si legge nella pagina dedicata – Al di là della certificazione, il produttore deve essere un eccezionale sostenitore della sostenibilità in tutti i sensi, compresi gli sforzi per la comunità nel garantire la salute ambientale a lungo termine, la biodiversità e/o gli sforzi verso il miglioramento dei più ampi impatti sociali della produzione del vino.”

La Francia domina la lista con ben otto aziende su ventiquattro premiate. Seguono gli Stati Uniti con cinque.

Ecco la lista:

Italia
Alois Lageder
Salcheto
Tasca d’Almerita

Australia
Cullen Wines
Henschke

Austria
Weingut Ernst Triebaumer

Francia
Champagne Larmandier-Bernier
Gerard Bertrand
Domaine Leroy & Domaine d’Auvenay
Domaine Bruno Lorenzon
Château Pontet-Canet
Louis Roederer
Felix et Gabin Richoux
Domaine Valentin Zusslin

Germania
Weingut Odinstal

Nuova Zelanda
Millton Vineyards & Winery

Sudafrica
Reyneke
Sadie Family Wines

Spagna

Descendientes de J. Palacios

Usa
The Eyrie Vineyards
Horsepower Vineyards
Littorai Wines
Ridge Vineyards
Spottswoode Estate

Alois Lageder, storica azienda altoatesina, vince il premio per l’impegno profuso nell’applicare la biodinamica su larga scala. ” Sarebbe impossibile sopravvalutare l’influenza di Alois Lageder. Il suo coraggio e la sua dedizione hanno avuto un impatto su tutto il vino italiano, ispirando decine o forse centinaia di viticoltori a seguirlo. Il suo festival annuale del vino, Summa, dà un’ampia piattaforma ai produttori di vino biologico e biodinamico dall’Italia e da altre nazioni.”

Salcheto, invece, si aggiudica il riconoscimento per aver certificato insieme all’Università di Siena l’impronta di carbonio delle proprie bottiglie e per aver creato una cantina completamente alimentata ad energia rinnovabile.

Infine, a Tasca d’ Almerita è stato riconosciuto il merito di aver creato, insieme ad altre grandi cantine siciliane, SOStain, una delle certificazioni di sostenibilità più onnicomprensive esistenti in Europa. Ne avevamo già parlato in questo articolo.

GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI SUL MONDO DEL VINO

SEGUI SOMMELIER LIFE SU FACEBOOK

SEGUI SOMMELIER LIFE SU INSTAGRAM

Se ti è piaciuto questo articolo, potresti essere interessato anche a:

Presentato il nuovo Coravin per spumanti e vini frizzanti

Svolta epocale nel Chianti Classico: introdotti undici Cru per la Gran Selezione

Chianti Classico 2019 e 2018: i migliori vini dell’anteprima Chianti Classico Connection 2021

Franco Battiato e il vino: tre etichette siciliane per omaggiare il grande maestro

Tannico conquista la Francia: acquisito uno dei più importanti e-commerce d’oltralpe

Esplode una vasca e dalla cantina sgorga un fiume di vino rosso

Il futuro dei Supertuscans è nel Cabernet Franc: lo dice l’enologo di Ornellaia

La presidente FIVI chiede di limitare il potere delle grandi aziende nei consorzi

Nella città del vino dell’ Etna si vendono case a un euro

Si rifiuta di consegnare un messaggio fascista con il vino e Winelivery lo licenzia

C’è un vignaiolo piemontese tra i giovani che cambieranno il mondo secondo 50Best

TUTTE LE NEWS

VAI ALLA HOMEPAGE

spot_img

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui