fbpx

Gli italiani non bevono vino a casa: – 87% di vendite con i ristoranti chiusi

Reading Time: 2 minutes

La nicchia degli appassionati rimane fedele al nettare di Bacco anche quando non può berlo in compagnia, ma la maggioranza degli italiani preferisce tagliare i consumi – o puntare su vini più economici – se non può frequentare bar e ristoranti.

E’ quanto emerge dall’analisi di TradeLab: il -37% di vendite di vino nel 2020 è diventato -87% nel primo trimestre del 2021. Pesano sul bilancio delle aziende le zone rosse e arancioni istituite in tutto il paese nei mesi di gennaio, febbraio e marzo. “Sono dati che parlano da soli – ha sottolineato Sandro Boscaini, presidente di Federvini – e le perdite registrate non sono compensate dalle vendite nel canale della GDO né dal canale e-commerce, sebbene in Italia abbiamo riscontrato una performance promettente: secondo i dati Wine Monitor Nomisma l’e-commerce registra un incremento del 105% nel 2020, rispetto al 2019, per l’acquisto di vino. L’HoReCa resta comunque il canale privilegiato, in particolare per i prodotti di gamma più alta“.

Boscaini ha evidenziato anche la necessità di un piano per le riaperture: “in questo senso stiamo lavorando a una campagna europea volta a sensibilizzare la Commissione a supportare al meglio questi settori che sono stati tra i più penalizzati dalla pandemia. Sul fronte nazionale, invece, stiamo attivando delle alleanze con Federturismo per testimoniare l’interconnessione tra i nostri mondi e valorizzare l’impegno comune a ricominciare in sicurezza”.

Il dato inequivocabile è che, nel nostro paese, il consumo di vino di qualità è strettamente legato alla convivialità, al turismo e all’hospitality. Manca, invece, una cultura del bere bene quotidianamente in casa (con moderazione, ovviamente), forse proprio perché i produttori di dimensioni medie e medio-piccole hanno fatto leva sul boom della ristorazione per espandere il loro business e hanno trascurato il consumo casalingo. Quello del vino buono “per tutti i giorni”, al giusto prezzo, è un trend esistente, ma ancora marginale. L’e-commerce potrebbe rafforzarlo, ma in Italia i volumi delle vendite online, sebbene in costante aumento, sono ancora irrisori rispetto a quelli della GDO, che, purtroppo, applica – salvo rare eccezioni – politiche di pricing estremamente aggressive e difficilmente compatibili con qualunque discorso qualitativo.

SEGUI SOMMELIER LIFE SU FACEBOOK

SEGUI SOMMELIER LIFE SU INSTAGRAM

Se ti è piaciuto questo articolo, potresti essere interessato anche a:

Le gelate primaverili di questi giorni sono le peggiori degli ultimi decenni

Il Chianti Classico ha una nuova sottozona: lo svela RobertParker.com

Tiezzi e la Vigna Soccorso: il Brunello di Montalcino tra passato e futuro

Brunello di Montalcino 2016: i migliori venti vini dell’annata delle meraviglie

Rivetto: quando Barolo e biodinamica s’incontrano accadono grandi cose

Saittole 2019 di Ribelà, ovvero come dovrebbe essere il vino laziale

TUTTE LE NEWS

VAI ALLA HOMEPAGE

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui