fbpx

Fiano di Avellino e Greco di Tufo: i migliori vini delle ultime annate

Reading Time: 4 minutes

Continua il racconto di Campania Stories con tutti i vini a base Fiano e Greco.

Chiaramente in questa categoria la fa da padrone l’Irpinia, ma non bisogna sottovalutare le migliori interpretazioni provenienti da Cilento e Sannio. Nel primo territorio il parterre è molto eclettico, con versioni affinate nei contenitori più disparati che hanno come trait d’union la solarità del terroir mediterraneo. Nel Sannio, invece, non esiste ancora una linea comune e, allo stato attuale, vince chi non ha fretta di commercializzare le nuove annate.

La Campania dalla Falanghina alla Coda di Volpe: dieci vini straordinari

FIANO DI AVELLINO

I Favati – Pietramara 2020

Pera kaiser, salvia, una traccia vegetale che non stona e una ventata floreale che completa il quadro. Ha bisogno di qualche mese per assestarsi, ma la stoffa è quella giusta. Promettente.

90/100

Tenuta Cavalier Pepe – Brancato Riserva 2018

Una delle prime Riserve messe in commercio: fa un breve passaggio in legno ed esprime al suo esordio sensazioni complesse ed ammiccanti di camomilla essiccata, caramella d’orzo, mandorla dolce, qualche tocco mielato. Un tocco erbaceo dà lo sprint ad un sorso abbondante, ma vispo e reattivo come da canone per il Fiano di Lapio, con un finale scandito da rintocchi salini.

91/100

Pietracupa – 2019

Un classico intramontabile: austero e fascinoso, salmastro e fumè all’esordio e poi piccante di erbe aromatiche. Procede sferzante, come una limonata con un pizzico di sale, lungo nei rimandi rocciosi che profilano una chiusura quintessenziale. Ottimo

91/100

Passo delle Tortore – Bacio delle Tortore 2020

Lo assaggio per la prima e rimango molto sorpreso: il profumo è intensamente minerale, idrocarburico a tratti e carico di rimandi alla frutta a guscio che riecheggiano anche sul fondo del sorso grintoso, appagante, in fase di assestamento, ma che lascia intuire un potenziale evolutivo non indifferente. 

91/100

Colli di Lapio – 2020

Naso che conquista già in prima battuta: verbena, lavanda, lime e cedro, maggiorana, nocciola tostata e una bella matrice minerale di fondo. Il sorso è goloso e scattante allo stesso tempo, completo già in questo fase, ma il meglio deve ancora venire… Eccezionale!

92/100

Cantina del Barone – Particella 928 2019

Sempre uno dei vini più singolari dell’Irpinia tutta, esprime aromi ossidativi di miele d’acacia e nocciola tostata, fieno e luppolo che lo rendono molto accattivante. Ha più polpa e cremosità della maggior parte delle etichette in batteria, ma anche tanta salinità che sostiene l’allungo notevole. Non mette tutti d’accordo, ma è tra vini i più riconoscibili e caratterizzanti attualmente prodotti in zona.

93/100

GRECO DI TUFO

Di Prisco – Pietra Rosa 2019

Quadro sorprendente, ossidativo, ma intrigante: emergono aromi di idrocarburo e pepe bianco, mela golden matura e nocciole. L’impostazione in bocca è coerente, con un tratto minerale scuro, sulfureo a fare da contraltare a ritorni mielati e fruttati molto abbondanti. Non per tutti, ma ha tanto carattere.

90/100

Pietracupa – 2019

Polline e camomilla, cedro, pera immatura e la solita ventata fumè che fa capolino dopo qualche minuto. Quadro raffinato che trova conferma nel sorso profondo, agrumato e allo stesso glicerico, più morbido e accomodante del solito, ma sempre incisivo.

90/100

Tenuta Cavalier Pepe – Grancare Riserva 2018

Uva spina, zenzero candito, un accenno vegetale e un tocco mielato su fondo di pietra focaia. E’ più robusto e cremoso del Nestor, ma sempre vispo e scattante, con un tocco vegetale sul fondo e un finale minerale di ottima durata. 

91/100

Cantine di Marzo – Vigna Serrone Riserva 2019

Buona la prima per il Greco Riserva: Serrone ammicca ed appaga con una miscela di pesca gialla e propoli, scorza di limone candita, lemongrass, la solita nota iodata. L’anno in più in bottiglia ha rimpolpato la gustativa, senza, però, domare la freschezza arrembante di un sorso integro e dùùù profondo. Ottimo adesso, ma a tenerlo da parte non si fa peccato.

91/100

Cantine di Marzo – Vigna Ortale Riserva 2019

Più dolce e maturo: sa di caramella al limone e albicocca, salvia e mela golden su fondo marino. E’ più grasso, un po’ meno scattante del Serrone, ma sempre equilibrato e molto scorrevole. Buona anche la seconda.

91/100

Cantine di Marzo – Vigna Laure Riserva 2019

Una sorta di sintesi dei precedenti: mette insieme una parte dolce – mimosa, rosa gialla, macedonia estiva – con ventate di finocchietto selvatico e bergamotto. Ha l’impeto minerale del Serrone, la polpa dell’Ortale e chiude teso, slanciato, lasciando presagire un bel percorso evolutivo. Come si suol dire, non c’è due senza tre!

92/100

Cantine dell’AngeloMiniere 2019

Viene da vigne che sovrastano una miniera di zolfo ed è tutto giocato su note minerali cupe – sulfuree, per l’appunto – che, insieme a qualche tocco lampo di miele e di susina matura, danno vita a un profilo profondo, chiaroscurato, imperniato su di una lama di acidità che mette in moto la massa importante e allunga un finale di maestosa austerità. Stregante adesso e meraviglioso in prospettiva.

93/100

Di Meo – Vittorio 2008

Quattordici anni di affinamento e il solito canovaccio del Greco lascia spazio ad aromi di cannella e miele millefiori, zafferano, erbe officinali, crema chantilly che fanno molto Borgogna dei Grand Cru. L’acidità portentosa continua a scandire un sorso vitale e completo, energico e goloso, con un finale speziato e mielato da lacrimuccia. Strepitoso!

97/100

TUTTI GLI ALTRI VINI DEGUSTATI

SEGUI SOMMELIER LIFE SU FACEBOOK

SEGUI SOMMELIER LIFE SU INSTAGRAM

Se ti è piaciuto questo articolo, potresti essere interessato anche a:

Le Piane e il Boca: la cantina che ha fatto rinascere uno dei più grandi vini piemontesi

Tenuta Barac: uno splendido relais nel cuore del Barbaresco

La Toscana dalla Maremma a Lucca Biodinamica: quindici vini imperdibili

Chianti Classico 2019 e 2018: i migliori vini dell’anteprima Chianti Classico Connection 2021

Brunello di Montalcino 2016: i migliori venti vini dell’annata delle meraviglie

TUTTE LE NEWS

VAI ALLA HOMEPAGE

spot_img

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui