fbpx

Summary

Fondato nel 1918, Don Gennaro (Pescara) si presenta come la naturale evoluzione del vinaio d’antan: banco per la mescita di fronte all’ingresso - sempre affollato fino a tarda sera - e alla destra scaffali carichi di bottiglie per tutti i gusti e tutte le tasche.

REVIEW OVERVIEW

Attenzione al cliente
86
Ampiezza della selezione
93
Varietà della selezione
94
Rapporto qualità prezzo
92

Enoteca Don Gennaro

Reading Time: 2 minutes

Città non grandissima, ma neanche piccola, non mondana come quelle della Riviera Adriatica nord, ma nemmeno sonnolenta come il resto dell’Abruzzo, Pescara offre più luoghi dove fare la spesa e/o farsi un bicchiere all’happy hour che ristoranti degni di nota.

I primi che mi vengono in mente sono la storica enoteca D’ Alessandro, la pasticceria Caprice a Pescara Vecchia, il wine bar Bollicine, la macelleria Giammarino e, ovviamente, il locale al quale è dedicato questo pezzo breve: la storica vineria Don Gennaro della famiglia Ciarrocchi, che ha sede a pochi passi dalla stazione ferroviaria e dal corso Vittorio Emanuele, in una zona che negli anni è diventata il cuore della movida cittadina.

Fondato nel 1918, Don Gennaro si presenta come la naturale evoluzione del vinaio d’antan: banco per la mescita di fronte all’ingresso – sempre affollato nell’epoca pre-Covid – e alla destra scaffali carichi di bottiglie per tutti i gusti e tutte le tasche.

La selezione è eclettica, cosmopolita – i pescaresi, a differenza degli abruzzesi di campagna, non sono per niente campanilisti – e annovera al suo interno un mix di grandi classici e chicche semi-sconosciute. Se, per esempio, volete approfondire la vostra conoscenza del panorama “garagista” abruzzese (e in particolare della nicchia biodinamica/naturale), questo è il posto giusto per farlo. È qui, infatti, che ho scoperto i vini funky di Matita, Bevilacqua, Lammidia (che non amo, ma che credo rappresentino un fenomeno rilevante nel contesto regionale) e quelli semplicemente splendidi di Francesco Massetti e Amorotti, rispettivamente vigneron che ha fatto pratica da Emidio Pepe e vicino rinato da poco dei Valentini.

Non mancano, però, nemmeno i “classiconi” delle grandi aziende regionali – es. Inferi di Marramiero, Malandrino di Cataldi Madonna, tutti i Marina Cvetic di Masciarelli – le etichette “comfort” dei big nazionali (Ca’ del Bosco, Ferrari, Banfi, Marchesi di Barolo e via dicendo) e qualche pezzo da novanta di rockstar del “supernaturale” come La Coste, Ca’ del Vent, Marco Merli, Costadilà.

Insomma, Don Gennaro non ha eguali in città – e forse nemmeno in regione – quanto a varietà dell’offerta. I problemi, però, sono essenzialmente tre: l’impossibilità – salvo clamorose botte di fortuna – di trovare parcheggio nelle immediate, l’assenza di tavolini ( bisogna consumare in piedi) e la spavalderia degli habitué, che, nell’estate del COVID, si assembravano davanti al bancone e all’ingresso del locale in barba alle norme sul distanziamento sociale!

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui